Abitazione come unità abitativa

Per abitazione si intende un’unità abitativa il cui spazio architettonico è composto da uno o più ambienti.

Questi ambienti sono sistematicamente legati e nel loro insieme consentono la funzione dell’abitare, corrispondente al concetto di casa.


Cenni storici dell’abitazione

Storicamente l’abitazione nasce nella Preistoria, la prima unità abitativa è la capanna, e in seguito la casa contadina.

La capanna è una costruzione di piccole dimensioni caratterizzata e costruita con materiali deperibili come il legno.

E’ il primo elemento che va a costituire l’ambiente costruito, attrezzato dall’uomo con un’insieme di interventi di trasformazione dell’ambiente naturale.

La casa contadina è decorsa nei secoli sino ad oggi affiancandosi a tutti gli altri tipi di unità abitativa.

Nella prima epoca storica si erige la casa fortificata, o reggia, o il palazzo.

Con il passare dei secoli, e quindi delle civiltà storiche, l’abitazione raggiunge la sua quasi perfetta architettura con castelli, torri medievali, palazzi rinascimentali e residenze delle varie epoche.

Con la rivoluzione industriale nasce l’urbanesimo in cui si costruiscono unità abitative sempre più maggiori, fino alla nascita dell’urbanistica moderna.

L’urbanistica moderna, con il suo movimento moderno, crea il concetto di unità abitativa non solo architettonico ma anche sociologico, facendo propria la concezione delle unità come residenza.

L’unità abitativa, quindi, con la nascita dei quartieri residenziali moderni, diviene l’elemento primario di un insieme legato ai servizi comuni primari.

Un’abitazione può essere classificata a seconda di diversi criteri come per tipologia, dimensione, destinazione e origine.

Per tipologia: appartamento, abitazione semi indipendente, villa, palazzo, castello e cottege.

Per dimensione: segue in crescendo l’elenco sopra citato, dall’appartamento al castello.

Per destinazione: abitazione cittadina, rurale, residenza marina, di campagna, di montagna, alberghiera.

Per origine: residenza moderna, residenza storica.


La Casa

Per casa si intende una qualunque struttura utilizzata dall’essere umano per ripararsi, e può ospitare uno o più nuclei familiari e talvolta anche animali domestici.

La casa è stata il primo elemento costruito nella storia, e può corrispondere al concetto di unità abitativa coniato dal Movimento Moderno in architettura.

  • Tipologie di Casa:
  • La grotta: è la prima forma di casa riparata scavata nella roccia.
  • La tenda: che appare con il nomadismo dell’uomo.
  • La capanna: che compare nel periodo neolitico, implica già un progetto di architettura primitiva.
  • La casa unifamiliare: che ospita un solo nucleo familiare.
  • La casa a schiera: costituisce un alloggio unifamiliare.
  • La palazzina plurifamiliare: un fabbricato che costituisce un condominio con diversi appartamenti e svariati piani.
  • La casa in linea: è un impianto strutturale determianto dall’aggregazione di almeno due palazzine unifamiliari.
  • La casa a torre: è un tipo di condominio isolato a sviluppo verticale.
  • Specifiche funzioni degli spazi interni:
  1. Ingresso
  2. Salotto, o soggiorno
  3. Cucina
  4. Sala da pranzo
  5. Disimpegno, o corridoio di servizio
  6. Bagno
  7. Lavanderia
  8. Camera da letto
  9. Balcone, terrazza o loggia

La casa è il luogo fisico costruito e abitato dagli uomini, essa rappresenza il nido familiare, il posto nel quale rifugiarsi.

Vivere nella e per la casa è oggi uno dei concetti maggiormente citati non solo in sociologia ma anche come rappresentazione simbolica dell’essere umano.


Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi