• Sei in: Sapere Cultura » Misteriologia » Miti e Leggende » L’Albero di Natale una tradizione antica

L’Albero di Natale una tradizione antica

albero di natale

L’Albero di Natale è una delle tradizioni natalizie più seguite in tutte le parti del mondo, se allestito e addobbato con le più svariate decorazioni, regala in tutto l’ambiente domestico magia e folclore.

La pianta per eccellenza per allestire e addobbare l’Albero di Natale è l’Abete, cioè simbolo dell’Albero Cosmico.

Esso rappresenta l’evoluzione perché fiorisce, perde e ritrova le sue foglie, l’ascensione verso il ciclo e il contatto con la terra attraverso le radici.


Credenze antiche

Una delle tradizioni è quella della sera del 24 dicembre, Vigilia di Natale, in cui i giovani giravano nel villaggio facendo un gran baccano per allontanare gli spiriti maligni.

Si fermavano in tutte le case recitando benedizioni, cantando, ballando e offrendo un verde rametto di abete, come augurio di salute e abbondanza che veniva posto in un vaso con mele e noci.

Secondo la credenza di varie popolazioni nel mondo, gli alberi sacri sono diversi tra loro, e attraverso di loro salgono e scendono i mediatori fra Cielo e Terra.

La credenza vuole che i frutti degli Alberi Sacri donano immortalità o sapienza, come ‘l’Albero del Paradiso Terrestre‘, o ‘l’Albero del Pane‘, dove Buddha rivece l’illuminazione.

Gli Alberi Sacri secondo le varie tradizioni nel mondo sono:

  • Il Tiglio in Germania.
  • Il Frassino in Scandinavia.
  • L’Olivo nell’Islam.
  • Il Banano in India.
  • La Betulla o il Salice in Siberia.
  • Il Sicomoro nell’antico Egitto.
  • Il Pesco in Cina.
  • Il Ginepro, il Biancospino, ecc….

Tradizioni dell’Albero di Natale

ceppo di natale

Secondo la tradizione accanto all’Abete si accendeva il ‘Ceppo natalizio‘.

La sera della Vigilia di Natale ogni famiglia si riuniva mettendo nel camino un grosso pezzo di Quercia, in segno di benedizione e grazia di Dio.

I bambini venivano poi bendati e dovevano avvicinarsi al camino battendo le molle sul ceppo recitando una canzoncina, che aveva il potere di far piovere su di loro dolci e regalini.

Sul tronco si sistemava altra legna perché doveva bruciare lentamente per dodici giorni, fino alla festività dell’Epifania, simboli dei didoci mesi dell’anno.

Secondo la tradizone Cristiana, le luci appese all’albero rappresentano la luce che Cristo dispensa all’umanità, mentre i frutti dorati, i regalini e i dolcini appesi ai rami, o raccolti attorno all’albero, simboleggiano l’amore che ci offre.


L’Albero di Natale

albero di natale decorazioni

Nell’antichità le decorazione dell’albero erano rose di carta di vari colori, mele, cialde e zucchero.

Secondo la credenza pare che sia stato Martin Lutero, il riformatore del sedicesimo secolo, ad aggiungere le candeline.

L’Albero di Natale, diversamente dal tradizionale Abete, può essere costruito in svariati modi:

  • Con una rete metallica.
  • Con del cartoncino.
  • Con la cera.
  • Con tralci di vite intrecciate e aggrovigliate.
  • Con la stoffa.
  • Con pan di Spagna, crema e zabaione.
  • Può anche diventare un segnaposto, espositore per la stanza o la finestra.
  • Può essere utilizzato per decorare la tovaglia o la maglietta.

Per addobbare l’Albero di Natale possono essere utilizzate palline, pailettes, pasta di pane, pasta alimentare, fiori vivi o secchi.

Diventa splendido se viene decorato con nastri, babbi natale, angeli, catenelle e sfere colorate, e, se carico di luci e doni, evoca la rinascita della primavera, come l’albero di Carnevale o della Pasqua o della cuccagna.

Leggi anche come scegliere l’Albero di Natale



Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi