Quale è il Continente più freddo della Terra? L’Antartide!
Quale è il Continente più freddo della Terra? L’Antartide!

Quale è il Continente più freddo della Terra? L’Antartide!


Antartide il Continente più freddo della Terra

Il continente più freddo della Terra è l’Antartide, ed è anche il continente meno popolato della Terra, il più freddo e ventoso poiché circa il 98% del suo territorio è coperto dal ghiaccio.

Situato nell’emisfero meridionale del globo, è centrato asimmetricamente attorno al Polo Sud e in gran parte a sud del Circolo Antartico.

In geografia l’Antartide è dominato dalla sua posizione polare meridionale e, quindi, dal ghiaccio.

Circondato dall’Oceano Meridionale, noto anche come Oceano Antartico, in alternativa può essere considerato circondato dal Pacifico meridionale, Atlantico e Oceano Indiano, o dalle acque meridionali dell’Oceano Mondiale.

1. Antartide in Geografia

Il continente Antartico copre più di 14 milioni di km2, rendendolo il quinto continente più grande, circa 1,3 volte più grande dell’Europa.

La costa in Antartide, lunga 17.968 km, è caratterizzata principalmente da formazioni di ghiaccio:

  • Piattaforma di ghiaccio (fronte di ghiaccio galleggiante)
  • Pareti di ghiaccio (appoggiate a terra)
  • Flusso di ghiaccio/ghiaccio di uscita (fronte di ghiaccio o parete di ghiaccio)
  • Roccia

Nel continente antartico sono presenti anche fiumi e laghi, il più lungo è l’Onice, 32 km, e il lago più grande è il Vostok. Inoltre, ospita più di 70 laghi che si trovano alla base della calotta glaciale continentale.

E’ diviso in due dalle Montagne Transantartiche, una catena montuosa di rocce, vicine al collo tra il Mar di Ross e il Mare di Weddell.

La posizione ad ovest del Mare di Weddell e ad est del Mare di Ross è chiamata Antartide Occidentale e il resto Antartide Orientale.

L’Antartide occidentale è coperta dalla calotta glaciale dell’Antartide occidentale, mentre l’Antartide Orientale si trova sul lato dell’Oceano Indiano dei Monti Transantartici.

Circa il 98% della terra antartica è coperte dalla calotta glaciale antartica, di almeno 1,6 km di spessore.

Il continente ha circa il 90% del ghiaccio mondiale, e quindi circa il 70% dell’acqua dolce del mondo.

La vetta più alta dell’Antartide è il Massiccio del Vinson a 4.892 metri, e si trova nei monti Ellsworth. Altre montagne presenti nel continente si trovano sia nella parte principale che nelle isole circostanti.

Il Monte Erebus, che si trova sull’Isola di Ross, è il vulcano attivo più meridionale del mondo, e sull’Isola Deception si trova un altro vulcano attivo.

Tuttavia, altri vulcani dormienti presenti nel continente Antartico, potrebbero essere potenzialmente attivi.

2. Geologia del Continente

Più di 100 milioni di anni fa, l’Antartide faceva parte del supercontinente Gondwana, che esisteva dal Neoproterozoico.

Nel corso del tempo Gondwana gradualmente si disaprì, e l’Antartide come lo conosciamo oggi si formò circa 25 milioni di anni fa.

Durante il periodo Cambiano, il supercontinente aveva un clima mite, e all’inizio del periodo Devoniano era a latitudini più meridionali e il clima era più freddo.

La glaciazione iniziò alla fine del periodo Devoniano (360 milioni di anni fa), quando il Gondwana si incentrò sul Polo Sud e il clima si raffreddava.

In epoca Mesozoica, come risultato del continuo riscaldamento, le calotte polari si sciolsero e gran parte del Gondwana divenne un deserto.

Il raffreddamento dell’Antartide avvenne gradualmente dal cambiamento delle correnti oceaniche da correnti longitudinali equatore-polo.

Queste correnti eguagliavano la temperatura a correnti latitudinali che preservavano e accentuavano le differenze di temperatura di latitudine.

Lo studio geologico del continente antartico ha permesso di vedere l’Antartide Occidentale molto simile alla catena montuosa delle Ande del Sud America.

La penisola antartica è stata formata dal sollevamento e dal metamorfismo dei sedimenti dei fondali marini.

Le rocce più comuni dell’Antartide Occidentale sono i vulcani andesite e rioliti formatasi durante il periodo Giurassico.

L’Antartide Orientale è geologicamente varia, risalente all’era precambiana, è composto da una piattaforma metamorfica e ignea, che è alla base dello scudo continentale.

In cima a questa base ci sono carbone e varie rocce moderne, come arenarie, calcare e scisto deposti durante il periodo devoniano e giurassico per formare i Monti Transantarzi.

3. Clima Antartico

Il clima antartico è il più freddo della Terra. Il continente è anche estremamente secco e la neve raramente si scioglie e, dopo essere stata compressa, diventa il ghiaccio glaciale che costituisce la calotta glaciale.

Le temperature raggiungono un minimo di -80 °C all’interno in inverno, raggiungendo un massimo di 5°C e 15 °C vicino alla costa in estate.

Leggi anche:  Continente in geografia

L’Antartide è un deserto ghiacciato con poche precipitazioni, la neve poi che riflette quasi tutta la luce ultravioletta che cade su di essa, provoca ustioni solari.

Lunghi periodi di costante oscurità, data la latitudine, o luce solare costante, creano climi sconosciuti agli esseri umani.

L’Aurora boreale, indicata anche come Aurora polare, è un fenomeno notturno che si verifica vicino al Polo Sud creato dai venti solari pieni di plasma che passano dalla Terra.

Clima regionale

L’Antartide orientale è più fredda della sua parte occidentale a causa della sua altitudine più elevata.

La mancanza di precipitazioni sulla parte centrale del continente, il ghiaccio dura per lunghi periodi.

Sulla parte costiera forte nevicate sono comuni, e ai margini del continente forti venti katabatici spesso soffiano alla forza della tempesta.

L’Antartide, rispetto all’Artico, è molto più freddo perché si trova a 3.000 m sul livello del mare, e la temperatura diminuisce con l’elevazione nella troposfera.

L’Oceano Artico copre la zona polare settentrionale, quindi il calore relativo dell’oceano viene trasferito attraverso il ghiacciaio.

Questo fenomeno impedisce alle temperature nelle regioni artiche di raggiungere gli estremi tipici della superficie terrestre dell’Antartide.

Nell’emisfero antartico la Terra è più lontana, è all’afelio a luglio, mentre è al perielio a gennaio, cioè più vicina al Sole nell’estate antartica.

La distanza orbitale contribuisce ad un inverno antartico più freddo, e ad un’estate antartica più calda.

Cambiamento climatico

Il cambiamento climatico in Antartide sta causando un aumento delle temperature e un aumento dello scioglimento delle nevi e della perdita di ghiaccio.

Infatti, parte dell’Antartide si è riscaldata, secondo alcune prove il riscaldamento della superficie antartica è dovuto alle emissioni umane di gas serra.

La variabilità climatica dell’Antartide è la modalità anulare meridionale, la cui tendenza è stata di una portata senza precedenti negli ultimi 600 anni.

La piattaforma glaciale Larsen-B della penisola antartica nel 2002 è crollata, e tra il febbraio e marzo 2008 circa 570 km2 di ghiaccio dalla piattaforma Wilkins sono crollati.

Leggi anche:  Quale è il Secondo Continente Più Grande della Terra? L'Africa!

Strato di ozono

Sull’Antartide c’è una vasta area di bassa concentrazione di ozono, o buco nell’ozono, che si verifica ogni primavera dagli anni Settanta. Questo buco copre quasi tutto il continente, ed è stato rilevato dagli scienziati nel 1985 al suo più grande nel settembre 2006. Il buco nell’ozono è attribuito all’emissione di clorofluorocarburi nell’atmosfera, che decompongono l’ozono in altri gas.

Il cambiamento climatico antartico è dominato quindi dall’impoverimento dello strato di ozono, così come in un’area più ampia dell’emisfero australe.

L’ozono assorbe grandi quantità di radiazioni ultraviolette nella stratosfera, causando un raffreddamento di circa 5 °C nella stratosfera locale.

Il vortice polare, venti occidentali che scorrono intorno al continente, è intensificato dall’effetto di questo raffreddamento, impedendo il deflusso dell’aria fredda vicino al Polo Sud.

La temperatura della calotta glaciale antartica orientale, quindi, è tenuta a temperature più basse.

Le aree periferiche, specialmente la penisola antartica, sono soggette a temperature più elevate che promuovono lo scioglimento accelerato.

Ciò suggerisce che l’impoverimento dello strato di ozono e l’effetto vortice polare potenziato, rappresentano anche l’aumento del ghiaccio marino appena al largo del continente.

4. Antartide: Biodiversità del continente

Regno antartico

Il regno antartico è uno degli otto regni biogeografici terrestri, poiché è un luogo così freddo ha sostenuto solo 2 piante vascolari per milioni di anni.

La sua Flora attualmente è composta da circa 250 licheni, 100 muschi, 25-30 piante terrestri non vascolari e 700 specie di alghe terrestri e acquatiche.

L’Antartide ospita anche una varietà di vita animale, tra cui pinguini, foche e balene, pesci ghiaccio, albatri e molti altri uccelli.

Nell’agosto 2004, gli scienziati hanno confermato l’esistenza di microrganismi che vivono a 800 metri sotto il ghiaccio dell’Antartide.

Flora e Fauna

Il continente Antartide è uno degli ambienti terrestri più fisicamente e chimicamente esterni ad essere abitato da forme di vita. Le piante più grandi sono muschi e gli animali più grandi che non lasciano il continente sono alcune specie di insetti.

La fauna selvaggia sono estremifili, che devono adattarsi alla secchezza e alle basse temperature e all’alta esposizione comune antartica.

La vita invertebrata comprende acari microscopici, mentre i pochi vertebrati terrestri sono limitati alle isole sub-antartiche.

Alcune specie di animali marini esistono e si basano, direttamente o indirettamente, sul fitoplancton, componenti di auto-alimentazione.

Per quanto riguarda le piante, il clima attuale Antartide non consente la formazione di una vegetazione estesa. Una combinazione di temperature gelide, scarsa qualità del suolo, mancanza di umidità e di luce solare, inibisce la loro crescita. La diversità della vita vegetale, di conseguenza, è molto bassa e limitata nella distribuzione.

Funghi e altri organismi

In Antartide sono registrate circa 1.150 specie di funghi, di cui circa 750 non si formano i licheni e 400 sono a formazione di licheni. Le loro caratteristiche particolari, nonostante la morfologia apparentemente semplice, sono l’adattamento in questi ambienti difficili. Tali funghi resistono alla luce UV, questo è dovuto alle loro cellule dalle pareti spesse e fortemente melanizzate.

Leggi anche:  Europa (Continente)

Alcuni di questi funghi sono anche endemici dell’Antartide, e includono anche alcune specie che hanno dovuto evolversi in risposta alla doppia sfida del freddo estremo.

Tra gli altri organismi esistono Settecento specie di alghe, la maggior parte delle quali sono fitoplancton.

Le alghe di ghiaccio sono di vari tipi e si trovano nel ghiaccio marino negli oceani polari, come anche le diatomee particolarmente abbondanti nelle regioni costiere durante l’estate.

Inoltre, sono stati trovate batteri che vivono al freddo e al buio nel mare profondo a 800 m sotto il ghiaccio.

5. Antartide: demografia e Colonizzazione del continente

Demografia

L’Antartide non ha residenti permanenti, la popolazione è formata da stazioni di ricerca e campi da campo stagionale o annuale.

Circa 12 nazioni, tutte firmatarie del Trattato Antartico, inviano personale per eseguire ricerche stagionali (estive) o tutto l’anno anche nei suoi oceani circostanti.

Le persone che fanno e sostengono le ricerche scientifiche varia da circa 4.000 in estate a 1.000 in inverno.

La prima bambina nata nella regione polare meridionale era una ragazza norvegese, nata a Grytviken l’8 ottobre 1913.

Il primo nato documentato nel continente antartico, a sud del 60° parallelo sud, è stato un argentino alla base Esperanza nel 1978, sulla punta della penisola antartica.

Antartide, su Geographic names Information System per l’Antartico.

Territori antartici

Sette stati sovrani hanno fatto rivendicazioni territoriali in Antartide, che sono:

  • Argentina
  • Australia
  • Cile
  • Francia
  • Nuova Zelanda
  • Norvegia
  • Regno Unito

Questi paesi hanno teso a posizionare le loro strutture di osservazione e studio scientifico antartico all’interno dei rispettivi territori rivendicati.

Tuttavia, un certo numero di tali strutture si trovano al di fuori dell’area rivendicata dai rispettivi paesi di attività.

Ci sono anche un certo numero di paesi senza rivendicazioni che hanno costruito strutture di ricerca all’interno delle aree rivendicate da altri paesi:

  • India
  • Russia
  • Italia
  • Pakistan
  • Ucraina
  • Stati Uniti

6. Ricerca in Antartide

Diversi governi hanno istituito stazioni di ricerca permanenti in Antartide, e queste basi sono ampiamente distribuite su tutto il continente.

A differenza delle stazioni di ghiaccio alla deriva istituite nell’Artico, le stazioni di ricerca dell’Antartico sono costruite su roccia o su ghiaccio che è fissato in posizione.

La più grande stazione di ricerca è la stazione McMurdo, che è in grado di ospitare più di 1.000 scienziati, visitatori e turisti. I ricercatori includono: biologi, geologi, oceanografi, fisici, astronomi, glaciologi e meteorologi.

Nel 2007 è stato fondato il Polar Geospatial Center, che utilizza le tecnologia geospaziale e di telerilevamento per fornire servizi di mappatura ai team di ricerca americani.

Nel 2008 è stata istituita al Polo Sud la stazione Princess Elisabeth, la prima stazione di scienza polare a zero emissioni al mondo.

Il progetto, che monitora lo stato di salute delle regioni polari, prevede ricerche in climatologia, glaciologia e microbiologia.

Portale del programma antartico degli Stati Uniti


Lascia un commento