Belle Arti la bellezza delle arti estetiche
Belle Arti la bellezza delle arti estetiche

Belle Arti la bellezza delle arti estetiche


Belle Arti la bellezza delle arti estetiche


belle arti nell'arte

Le Belle Arti, che nel linguaggio corrente indica le arti figurative, è il concetto comune a tutti della bellezza.

Esso si applica solo a quelle discipline artistiche destinate alla contemplazione, cioè non svolgono una funzione utilitaria.


Origine e Storia


Le Belle Arti sono chiamate insieme di manifestazioni artistiche di natura creativa e con valore estetico, quindi di bellezza.

Sono quelle discipline artistiche destinate alla contemplazione, lasciando fuori le cosiddette arti applicate o utilitarie, e tutti i tipi di artigianato.

Attualmente sono raggruppate in sette discipline, tra cui la pittura, la scultura, la letteratura, la danza, la musica, l’architettura e il cinema.

Il termine è tipicamente usato per l’arte occidentale dal Rinascimento in poi, anche se possono applicarsi all’arte di altre culture.

Nelle tradizioni accademiche europee, l’arte è l’arte sviluppata principalmente per l’estetica o la bellezza.

Nell’antica Grecia il termine arte si riferiva a tutti i mestieri, con distinzione tra le arti più elevate chiamandole arti superiori (udito e vista). Quelli che erano diretti ai sensi minori erano chiamati arti minori (tatto, gusto o olfatto).

Il Rinascimento accumunava pittura, scultura e architettura nella denominazione di “arti del disegno“.

L’espressione belle arti venne usato per distinguere le belle arti dall’arte decorativa o dall’arte applicata, e che deve svolgere anche alcune funzioni pratiche.

Tale termine fu coniato solo nel XV secolo da Charles Batteux, filosofo francese, che lo usò per definire queste manifestazioni artistiche.

Batteux fu uno dei primi a classificare le belle arti nella sua opera intitolata “Belle arti ridotte allo stesso principio“, pubblicata nel 1746.

Nel suo libro egli propone l’unificazione della arti sotto il concetto di bellezza e buon gusto.

Le belle arti comprendevano, fino ad allora, la pittura, scultura, architettura, musica, danza e letteratura.

Il testo pubblicato di Ricciotto Canudo nel XX secolo, intitolato “Il manifesto delle sette arti“, aggiunge il cinema all’elenco delle belle arti.

Secondo la Filosofia dell’arte, i valori soggettivi e sensi emotivi, o di giudizio, sentimenti e gusto, sono esaminati dall’Estetica.

L’estetica considera ciò che accade nelle nostre menti come nella visione dell’arte visiva, ascolto di musica, lettura di poesie, esplorazione della natura.

Nel corso dei secoli fino ad oggi, le belle arti hanno assunto quindi un valore estetico che copre fonti naturali e artificiali di esperienza estetica e di giudizio.

Filosofia dell’arte


La filosofia dell’arte, o estetica, studia specificamente come gli artisti immaginano, creano ed eseguono opere d’arte, così come le persone usano, godono e criticano l’arte.

In termini più semplici, l’estetica esamina come l’arte può influenzare gli stati d’animo, credenze o ciò che le nostre menti “vedono” o le nostre emozioni “sentono” quando ci impegniamo con oggetti o ambienti estetici.

L’estetica esamina la risposta affettiva del dominio a un oggetto o a un fenomeno, il cui giudizio di valore estetico va oltre la discriminazione sensoriale.

Poiché la bellezza è uno dei principali soggetti estetici, insieme all’arte e al gusto, include l’idea che un “oggetto sia bello se percepire è accompagnato da piacere estetico“.

Leggi anche:  Educazione Musicale l'apprendimento della musica

Nella filosofia dell’arte e nell’estetica, le domande principali sono: Cos’è l’arte?, Cos’è un’opera d’arte?, e Cosa rende buona l’arte?.

Gli studiosi del settore hanno quindi definito l’estetica come “riflessione critica sull’arte, la cultura e la natura“.

Caratteristiche delle Belle arti


Con l’espressione belle arti si indica ogni forma d’arte sviluppata principalmente con scopi estetici, di bellezza.

Tale forma d’arte si esprime nella produzione di manufatti artistici utilizzando forme d’arte visiva, figurativa e forme d’arte scenica o teatrale.

Le discipline che compongono le Belle Arti sono definite dalle Sette arti, con l’aggiunta di altre definizioni di forme d’arte corrente:

  • Arti visive: pittura e disegno, mosaici, incisione, calligrafia, fotografia, architettura, ceramica, scultura e arte concettuale.
  • Arte dei sensi: musica e poesia, letteratura in generale.
  • Arti dello spettacolo: ballo, teatro, film.

Discipline delle Belle Arti


Arti visive


Pittura: E’ la pratica di applicare vernice, pigmento, colore o altro mezzo a una superficie solida. Il mezzo viene comunemente applicato alla base con un pennello, ma possono essere utilizzati anche altri strumenti.

Disegno: Nel disegno l’artista utilizza strumenti, come matite di grafite, penne e inchiostro, per contrassegnare la carta o altra superficie.

Mosaici: Sono immagini formate con piccoli pezzi di pietra o vetro, chiamati tessere, e possono essere decorative o funzionali.

Stampa: E’ il processo di creazione di opere d’arte mediante stampa, normalmente su carta. Normalmente copre solo il processo di creazione di stampe che hanno un elemento di originalità, piuttosto che esere solo una riproduzione fotografica di un dipinto.

Calligrafia: E’ legata alla scrittura, ed è la progettazione e l’esecuzione di scritte con penna, pennello a inchiostro o altro strumento da scrittura. Una definizione contemporanea di pratica calligrafica è “l’arte di dare forma ai segni in modo espressivo, armonioso e abile”.

Leggi anche:  Didattica alla Storia la ricerca sui fatti passati

Fotografia d’arte: Si riferisce a fotografie create per realizzare la visione creativa dell’artista. La fotografia d’arte è in contrasto con il fotogiornalismo e la fotografia commerciale.

Architettura: Le opere architettoniche, nella forma materiale degli edifici, sono spesso percepite come simboli culturali e come opere d’arte. L’architettura è spesso considerata un’arte raffinata.

Ceramica: E’ il processo e i prodotti della formazione di vasi e altri oggetti con argilla e altri materiali ceramici. Con alcune eccezioni moderne, la ceramica non è un’arte raffinata ma “ceramica fine”.

Scultura: E’ una delle arti plastiche, un’opera d’arte tridimensionale creata modellando materiale duro e plastico, comunemente pietra, roccia o marmo, metallo o legno.

Arte concettuale: E’ arte in cui i concept o le ideazioni coinvolti nell’opera hanno la precedenza sulle preoccupazioni estetiche, tecniche e materiali tradizionali.

Arte dei sensi


Poesia: E’ una forma di letteratura che utilizza qualità estetiche e ritmiche del linguaggio, come fono-estetici, simbolismo sonoro e metro, per evocare significati oltre o al posto del significato prosaico apparente.

Musica: E’ una forma d’arte e un’attività culturale il cui mezzo è il suono organizzato nel tempo. Gli elementi comuni della musica sono l’intonazione, il ritmo, la dinamica e le qualità sonore del timbro e della consistenza.

Arti dello spettacolo


Danza: E’ una forma d’arte che generalmente si riferisce al movimento del corpo, di solito ritmico, e nella musica usata come forma di espressione, interazione sociale o presentata in un ambiente spirituale o di performance. Questo movimento ha un valore estetico e spesso simbolico.

Teatro: E’ una forma collaborativa di performance art che utilizza artisti dal vivo, di solito attori o attrici, per presentare l’esperienza di un evento reale o immaginato davanti a un pubblico dal vivo in un luogo specifico, spesso un palcoscenico.

Leggi anche:  Compiti a casa perché e quali sono gli obiettivi

Film: E’ un’opera d’arte visiva utilizzata per simulare esperienze che comunicano idee, storie, percezioni, sentimenti, bellezza o atmosfera attraverso l’uso di immagini in movimento.

Film d’arte: Si tratta di un’opera seria, artistica, spesso sperimentale e non pensata per l’appeal di massa, realizzata principalmente per motivi estetici piuttosto che per profitto commerciale, e contiene contenuti non convenzionali o altamente simbolici.

Altre forme di Belle Arti


Musica d’avanguardia: E’ spesso considerata sia un’arte dello spettacolo che un’arte raffinata.

Electronic Media: Forse come nuovo mezzo per l’arte poiché utilizza tecnologie moderne come i computer della produzione alla presentazione. Include, tra gli altri, video, fotografia digitale, stampa digitale e pezzi interattivi.

Tessuti: Tessuti tra cui l’arte delle trapunte e le creazioni indossabili, o pre-indossabili, raggiungono spesso la categoria degli oggetti d’arte, a volte come parte di un’espressione d’arte.

Musica classica: E’ una musica d’arte prodotta o radicata nelle tradizioni della cultura occidentale, compresa la musica liturgica (religiosa) che quella profana. E’ un’arte per lo spettacolo spesso considerata belle arti.

Origami: E’ l’arte del riempimento della carta, che è spesso associata alla cultura giapponese. Nell’uso moderno la parola origami è usata come termine inclusivo per tutte le pratiche di piegatura.

Note correlate


Arti: Sono una vasta gamma di pratiche umane di espressione creativa, narrazione e partecipazione culturale.

Arti applicate: Sono tutte le arti che applicano design e decorazioni agli oggetti quotidiani ed essenzialmente pratii al fine di renderli esteticamente grade.


Se ti è piaciuto questo articolo condivi:



Collegamenti esterni


Suggerimenti utili