• Sei in: Sociologia » Società » Come preparare la Calza della Befana

Come preparare la Calza della Befana

Calza della Befana

La tradizione vuole che la Befana porti la calza con dolci e caramelle ai bambini.

Per non deludere le aspettative di grandi e piccoli, si può arrivare a un giusto compromesso.

Gli usi e costumi sono quelli tramandati da genitori e nonni. Sia da tradizione che in tempi moderni, la Calza della Befana deve essere perfetta.

Come preparare la Calza

  • Si sceglie una calza piuttosto grande, di quelle vecchie.
  • Se non ne possedete una si acquista.
  • Se si ha un camino, vi si appendete la calza insieme al bambino la sera prima dell’Epifania.
  • Si sceglie comunque il posto adatto dove poterla appendere.
  • Si può mettere la calza anche sotto l’Albero di Natale se non lo avete ancora sfatto.
  • Un’altro posto, senza dubbio migliore, è appenderla alla finestra o metterla all’ingresso appesa alla porta, in modo da far pensare al bambino che arriva la Befana.
  • Una volta trovato il posto giusto dove appendere la calza, si deve riempire, senza farsi vedere, meglio quando i bambini vanno a dormire.

Cosa mettere nella Calza

  • Caramelle e dolcetti secondo i gusti del nostro bambino
  • Monetine di cioccolato
  • Carbone dolce (basta un pezzettino)
  • Biscottini
  • Un mandarino come da tradizione
  • Se lo si preferisce un piccolo regalino
  • 1-2 nocelle

Per i bambini invece un pò più cattivelli si può aggiungere:

  • Un pezzettino di vero carbone
  • Due o tre peperoncini
  • Un aglio
  • Una piccola patata.

Oggi tuttavia, in linea generale, nella Calza della Befana si mettono ogni sorta di dolcetti, tra caramelle, cioccolatini e dolcini vari, riempirla non è un’impresa difficile.

Per i bambini più cattivelli la calza deve contenere comunque lo stesso caramelle e dolcetti.

I bambini sono anime innocenti, e non ce ne sono di cattivi.



Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi