• Sei in: Sapere / Arte / Educazione Artistica (scuola)

Educazione Artistica (scuola)

educazione artistica a scuola didattica dell'arte

L’Educazione artistica è una disciplina del disegno e delle tecniche artistiche, unitamente alla Storia dell’Arte e all’Educazione visiva.

Questa materia ha sostituito l’Educazione all’immagine nella scuola elementare e l’arte immagine nelle medie.

Educazione Artistica (scuola)


Descrizione


L’Educazione Artistica è una disciplina che vuole avviare l’alunno alla composizione di elaborati grafici, sulla base delle tecniche artistiche studiate e le nozioni di Educazione visiva.

Attraverso l’insegnamento del Disegno e delle Tecniche Artistiche, l’alunno studia e analizza anche l’insegnamento della Storia dell’Arte.

L’Educazione visiva è lo studio della composizione: assiale, simmetrica, asimmetrica, concentrica; e dei codici visivi: la linea, il colore, la luce, l’ombra.

Parte della materia è anche lo studio del valore linguistico dell’immagine, storico, religioso, politico, estetico, e di tutti gli altri valori.

Questo metodo favorisce nell’alunno la libera espressione, stimolando la fantasia, attraverso l’appropriarsi di mezzi tecnici-espressivi.

Inoltre ha il compito di sensibilizzare l’alunno al rispetto dei patrimoni storico-artistico.

L’Arte


L’arte è una vasta gamma di attività umane che coinvolgono la creazione di manufatti visivi, uditivi o di opere d’arte.

Essi esprimono l’immaginazione del creatore, idee concettuali o abilità tecniche, destinate per essere apprezzate per la loro bellezza o potenza emotiva.

I tre rami classici dell’arte visiva sono: la pittura, la scultura e l’architettura.

Musica, teatro, cinema, danza e arti dello spettacolo, così come la letteratura e altri media interattivi, sono inclusi in una definizione più ampia dell’arte.

La Storia dell’arte si concentra su oggetti realizzati dall’uomo in forma visiva per scopi estetici.

Le più antiche forme d’arte sono le arti visive, che includono la creazione di immagini o oggetti in diversi campi.

Le forme d’arte, chiamate Arti visive, comprendono la pittura, il disegno, la stampa, la scultura, la ceramica, la fotografia, il video, il cinema, il design, l’artigianato e l’architettura.

Il Disegno


Il disegno è una forma di arte in cui un artista utilizza strumenti per contrassegnare la carta o altra superficie bidimensionale.

Gli strumenti utilizzati per il disegno sono: matite e matite di grafite, penna e inchiostro, vari tipi di vernici, pennelli inchiostrati, matite colorate, pastelli, carbone, gesso, pastelli, gomme, marcatori, stilo e metalli.

Il supporto più comune per il disegno è la carta, ma si possono utilizzare anche altri materiali come cartone, cartoncino, legno, plastica e tela.

Un disegno rapido e a mano, inteso come un lavoro non finito, è chiamato schizzo.

La Pittura


La pittura è la pratica di applicare vernice, pigmento, colore o altro mezzo a una superficie solida.

Il termine pittura descrive sia l’atto che il risultato dell’azione, ad esempio l’opera finale è chiamata dipinto.

Il dipinto può incorporare più altri materiali, tra cui sabbia, argilla, carta, gesso, foglia d’oro e anche oggetti interi.

La pittura è una forma importante nelle arti visive, portando elementi come il disegno, la composizione, il gesto, la narrazione e l’estrazione.

I mezzi solitamente utilizzati comprendono: pittura a olio, pastello, acquerello, inchiostro, cera calda, smalto, vernice spray, tempera, pittura digitale.

La Scultura


La scultura opera in tre dimensioni, ed è una delle arti plastiche che utilizza un’ampia varietà di materiali.

Questi materiali possono essere lavorati mediante rimozione come l’intaglio, assemblato mediante saldatura o modellazione, o stampaggio o fusa.

Il termine scultura è utilizzato per descrivere grandi opere, che talvolta sono chiamate sculture monumentali.

Tuttavia si indicano molti tipi di piccole opere in tre dimensioni usando le stesse tecniche.

Istruzione del disegno


Approcci


L’insegnamento dell’arte viene fatto attraverso il disegno, la pittura, la scultura e la creazione di marchi.

Il disegno è un’attività che implica la visione, l’interpretazione e la scoperta di segni appropriati per riprodurre un fenomeno osservato.

L’istruzione al disegno, fin dal periodo ellenistico, è stata una componente dell’educazione formale artistica in Occidente.

Un approccio alternativo all’educazione artistica implica un’enfasi sull’immaginazione, sia nell’interpretazione che nella creazione dell’arte.

Approcci alternativi, come la cultura visiva e approcci basati su problemi in cui gli studenti esplorano le questioni sociali e personali attraverso l’arte, informano anche oggi l’educazione artistica.

Nell’istruzione superiore, nella tradizione delle arti liberali, l’arte è spesso insegnata come “apprezzamento dell’arte“.

Tale argomento è per lo più per la critica estetica, un ramo della filosofia, piuttosto che l’impegno diretto.

Formazione


Storicamente l’arte in Europa è stata insegnata attraverso il sistema di metodi dell’atelier, laboratori privati o studi di artisti nelle arti belle o decorative.

In questi studi gli artisti assumevano apprendisti, i quali imparavano il mestiere come i lavoratori di pietra o gli orafi.

Gli artisti, dunque, imparavano il mestiere attraverso l’apprendistato ai maestri, e spesso pagavano durante i primi anni della loro educazione.

Le scuole di design in Europa nel XVIII secolo, hanno avuto una certa precedenza sulle Belle arti.

La prima arte europea, con i suoi esempi di abilità e valori, ispirarono così le generazioni successive.

Appropriazione culturale


L’impiego dell’appropriazione culturale all’interno dell’aula, spinge le capacità dell’individuo a produrre opere di notevole valore estetico.

La decorazione o l’emulazione del processo creativo, attraverso l’uso di proprietà artistiche di culture diverse, favorisce una maggiore comprensione dell’artigianato di questi ultimi.

Gli studenti che emulano questa tecnica, esplorano anche nuovi metodi di uso e costruzione dei materiali.

Storia e Tecniche artistiche


Storia dell’arte


La storia dell’arte è lo studio degli oggetti estetici e dell’espressione visiva in un contesto storico e stilistico.

E’ una disciplina che comprende oggi aspetti più ampi della cultura visiva, lo studio di oggetti creati da diverse culture in tutto il mondo e nel corso della storia.

Enfatizza e trasmette significato, importanza o come utilità principalmente attraverso mezzi visivi.

Nell’educazione artistica, la storia dell’arte si distingue dalla critica d’arte e dalla teoria dell’arte, o filosofia dell’arte.

Storia della pittura


La storia della pittura rappresenta una tradizione continua dall’antichità, attraverso le culture, continenti e millenni.

E’ la creatività che abbraccia tutte le culture in un sistema continuo risalente al tempo pre-storico fino ad oggi.

I dipinti più antichi conosciuti hanno circa 40.000 anni, e il tipo più antico di pitture rupestri sono stencil a mano e semplici forme geometriche.

Nell’arte contemporanea, gli artisti lavorano in un mondo diversificato, a livello globale, e tecnologicamente avanzato.

Le opere d’arte continuano ad essere realizzate anche se in un’ampia varietà di stili e temperamenti estetici.

La pittura contemporanea e l’arte contemporanea, nel XXI secolo, sono caratterizzate dall’idea di pluralismo culturale.

Artista


Nell’educazione artistica, un artista è una persona impegnata in un’attività legata alla creazione di arte, alla pratica delle arti o alla dimostrazione di un’arte.

L’uso comune del termine, sia quotidiano che accademico, si riferisce a un praticante solo nelle arti visive.

Tuttavia, spesso, il termine descrive coloro che creano in un contesto di belle arti o alta cultura.

Storici dell’arte e critici definiscono gli artisti come coloro che producono arte all’interno di una disciplina riconosciuta o riconoscibile.

Modello artistico


Un modello artistico, spesso pensato come musa, una fonte di ispirazione senza la quale l’arte non esisterebbe, posa per qualsiasi artista visivo nell’ambito del processo creativo.

Esso fornisce un riferimento visivo per la figura umana in un’opera d’arte.

I modelli utilizzati nelle più comuni opere d’arte sono: il disegno di figure, la pittura di figure, la scultura e la fotografia, anche se possono essere utilizzati tutti i mezzi.

Le pose comprendono esercizi di disegno gestuale o riscaldamento, esercizi specifici o piani di lezione con tipo di posa particolare.

Voci correlate


Collegamenti esterni



Ti è piaciuto questo articolo? Condividi con un amico/a o sul tuo social preferito. Se invece vuoi restare sempre aggiornato/a sui nuovi argomenti iscriviti alla nostra Newsletter


Ti potrebbe anche interessare


I commenti sono chiusi.