Festa del Natale origini e storia

festa di natale

Il Natale si festeggia ogni anno il 25 dicembre per la maggior parte delle Chiese cristiane e greco-ortodosse.

Essa è una solennità, inferiore alla Pasqua, ed è la festa cristiana più importante nonché quella più sentita dai fedeli.


Festa del Natale: origini

Il Natale è una festa cristiana che celebra la nascita di Gesù, ad essa sono strettamente legate la tradizione del Presepe e dell’Albero di Natale.

La parola Natale deriva dal latino cristiano Natalem, retoricamente diem natalem Christi, giorno di nascita di Cristo, che a sua volta prende dalla parola latina natalis derivato da natus, ossia nato, participio passato del verbo nasci, cioè nascere.

La festività del Natale risale al IV secolo, anche se tuttavia sussistono ancora dubbi al riguardo, mentre quel che è certo sulla Natività di Cristo è la data del 25 dicembre, come testimonia la prima menzione risalente al 336.

Le sue origini storiche non sono quindi note, possiamo solo avvalerci sulla spiegazione di varie ipotesi:

Nel Libro di Malachia, un testo contenuto nella Bibbia ebraica, la data del 25 dicembre venne fissata probbilmente per sostituire la festa del Natalis Solis Invicti con la nascita di Cristo, indicato come nuovo ‘sole di Giustizia‘.

Altre ipotesi diverse possono essere in relazione a influenze ebraiche e/o a tradizioni nel cristianesimo.

Nella tradizione cristiana le basi possono essere quelle comuni popolare e contadina dato che celebravano, nello stesso periodo, una serie di ricorrenze e riti legati al mondo pagano.

Tuttavia, secondo prove accertate riscontrate da ricerche approfondite in ambito storico, il Solstizio d’inverno e il Sol Invicti sembra abbiano avuto un ruolo nell’istituzione e nello sviluppo del Natale nel tardo impero romano.

La festa infatti si sovrappone, approssimativamente, alle celebrazioni per il solstizio invernale e alle feste dei saturnali romani, dal 17 al 23 dicembre.

Nel calendario romano il termine Natalis, con il quale si indicava il giorno di inizio di un evento importante e la sua ricorrenza, veniva impiegato per molte festività.

Ad esempio il Natalis Romae cadeva il 21 aprile e commemorava la nascita dell’Urbe, cioè Roma.

O come il Dies Natalis Solis Invicti, termine religioso usato per diverse divinità, con la festa dedicata alla nascita del Sole, Mitra, introdotta dall’imperatore Marco Aurelio Antonino Augusto.

La festa del Solis Invicti fu ufficializzata per la prima volta dall’imperatore romano Aureliano nel 274 d. C. con la data del 25 dicembre.


Festa del Natale: Storia

La festa del Natale, nata come tradizione pagana, è stata assorbita dal Cristianesimo assumendo un nuovo significato.

I culti pagani collegati alla celebrazione del sole, tuttavia, perdurarono per molti anni nonostante l’introduzione del Natale cristiano.

I missionari, quando incominciarono la conversione dei popoli germanici, adottarono alla tradizione cristiana molte feste pagane, le quali vennero ricondotte alle celebrazioni del Natale mantenendo però alcune delle tradizioni e dei simboli originari.

Oggi alcuni di questi simboli derivanti dalle tradizioni germaniche e celtiche pagane, compaiono l’uso del Vischio e dell’agrifoglio e l’Albero di Natale.

Per molti studiosi l’ipotesi della festa del Natale deriva da festività pagane, mentre per altri, se pur in minoranza, non sussisterebbero sufficienti prove che collegano il Natale e le festività pagane precedenti.

Alcuni studiosi hanno ipotizzato una possibile relazione con la festa ebraica della Ridedicazione del Tempio che cade il 24° giorno di Kislev, terzo mese nel calendario ebraico corrispondente al dicembre nel calendario gregoriano.

La festa ebraica ha tuttavia un significato diverso, dura otto giorni e non sembra evere inciso in modo significativo sulla scelta della data del Natale.

La prima celebrazione del Natale a Roma avvenne nel 336, fino al 354 quando papa Liberio decise di fissare la data come nascita di Cristo.

La più antica fonte sulla celebrazione del Natale come cattolica è il Cronografo del 354, un calendario illustrato romano, in cui vi sono riportate tre date importanti tra cui il 25 dicembre indicato come Natalis Invicti e come nascita di Gesù a Betlemme.


Festa del Natale: tradizione cristiana

La festa del Natale arriva in Italia sul finire del IV secolo, dapprima a Milano diffondendosi poi anche nelle altre diocesi dell’Italia settentrionale.

Nella tradizione cristiana il Natale celebra la nascita di Gesù a Betlemme da Maria, il cui significato celebra la presenza di Dio.

La nascita di Gesù è fatta testimonianza dai racconti attraverso i vangeli secondo Luca e Matteo, che narrano l’annuncio dell’angelo Gabriele, la deposizione nella mangiatoia, l’adorazione dei pastori e la visita dei magi.

Per quanto riguarda la grotta, il bue e l’asinello, e i nomi dei Re Magi, sono invece da attribuire a tradizioni successive e a racconti presenti in testi a carattere religioso detti ‘vangeli apocrifi‘.

Il giorno di Natale, nella Chiesa latina, è caratterizzato da quattro messe:

in vigilia: messa vespertina nella vigilia;
in nocte: messa della notte;
in aurora: messa dell’aurora;
in die: messa del giorno.

Il Natale cristiano è quindi parte di una liturgia: il tempo dell’Avvento seguito dal Tempo di Natale e infine la festa del Natale.



Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi

Pin It on Pinterest