La Salute in generale

salute fisica

La salute in generale è intesa come una condizione del proprio corpo vissuta individualmente relativo ad uno stato di benessere fisico e psichico.

Caratterizzato da ’assenza di patologie invalidanti, più o meno gravi, la medicina preserva e ripristina la qualità e durata della vita.

Storia della Salute


La salute nell’antica Grecia era considerata come un dono degli Dei e un fenomeno magico-religioso.

La malattia e la salute in generale di una persona, secondo Ippocrate, considerato il padre della medicina, che ne cambiò del tutto la prospettiva, dipendevano da circostanze insite nella persona stessa.

Secondo questo principio, che scludeva quindi la malattia causata da agenti esterni o interventi divini, la guarigione dipendeva nello stimolarne la sua forza innata e non nel sostituirsi ad essa.

I primi a tramandare il sapere dell’antica medicina furono i religiosi assieme alla scuola araba e a quella salernitana, pressoché intorno al 1100.

Così nacquero le prime università mediche e, nel 1300, la scuola bolognese aprì la prima scuola di anatomia.

Nel Rinascimento la medicina compì passi avanti nell’approccio scientifico passando dalla medicina eroica a quella moderna basata su prove di efficacia.

Tale svolta in campo medico è la definizione del processo della ricerca, della valutazione e dell’uso sistematici dei risultati della ricerca contemporanea come base per le decisioni cliniche.

La medicina scientifica dunque contribuì ai miglioramenti nell’alimentazione e nell’igiene, alla diminuzione del tasso di mortalità, aumentando di conseguenza l’aspettativa di vita.

Le prime specializzazioni mediche si svilupparono nel XX secolo, favorendo uno studio esclusivamente biologico e mirato ad uno specifico organo o sistema.


Il diritto alla salute


L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 1946 definisce la salute uno “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia“.

Essa viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alla persona.

Gli Stati e le loro articolazioni hanno il compito che va al di là di una semplice gestione di un sistema sanitario promuovendo quei fattori favorevoli e modificare quelli che influiscono negativamente sulla salute collettiva.

L’OMS propone il concetto di salute modificandone quella originaria nei seguenti termini:

La salute è uno stato dinamico di completo benessere fisico, mentale, sociale e spirituale, non mera assenza di malattia.

A partire dagli anni ottanta l’OMS cerca di dare un impulso al perseguimento della salute da parte dei giovani promuovendo due strategie:

  1. Promozione della salute
  2. Strategia della salute per tutti.

Gli obiettivi strategici che oggi sono rivolti all’attenzione pubblica sono: promozione e prevenzione della salute.

La salute dunque è un diritto di ciascun cittadino e non il semplice prodotto di una organizzazione sanitaria, ma bensì il risultato di un determinato tipo sociale, ambientale, economico e genetico.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividi con un amico/a o sul tuo social preferito. Se invece vuoi restare sempre aggiornato/a sui nuovi argomenti iscriviti alla nostra Newsletter


I commenti sono chiusi.


  • Informazioni su questo sito

    AbcSapere.it non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Si informa inoltre che tutti gli argomenti trattati sono solo a scopo informativo, e in nessun caso devono sostituire il parere di un professionista o parere medico. Si raccomanda quindi, sempre e comunque, una consultazione con uno specialista del settore…


    Licenza Creative Commons
    Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia.