• Sei in: Umanistica » Gastronomia » Italia a Tavola » Le Origini del Panettone natalizio

Le Origini del Panettone natalizio

panettone

Il Panettone è un dolce tipico milanese le cui origini sono incerte. Diffuso in tutta Italia, come il Pandoro, è associato alle tradizioni del Natale.

La sua caratteristica è la base cilindrica che termina in una forma a cupola.

Gli ingredienti per la sua preparazione sono: un impasto lievitato di acqua, farina, burro e tuorlo d’uovo.

A differenza del Pandoro, il Panettone al suo interno viene guarnito con frutta candita, scorzette di arancio e cedro, e uvetta.

Il Panettone è oggi prodotto da diverse ditte dislocate in tutta Italia.

Grazie alla sua produzione industriale si è diffuso non solo a livello italiano, viene anche esportato in molti paesi come dolce simbolo del Natale.


Origini e storia del Panettone

Le sue origine sembrano essere discordanti, le storie che si narrano sono infatti diverse.

In una delle storie si narra che un cuoco di nome Ludovico il Moro fu incaricato di preparare un suntuoso pranzo di Natale per molti ospiti nobili.

Erroneamente il cuoco dimenticò il dolce nel forno che quasi si carbonizzò, vista la sua disperazione Toni, un piccolo sguattero, lo aiutò proponendo un dolce fatto con quanto era rimasto in dispensa.

Con un pò di farina, burro, uova, scorza di cedro e qualche uvetta, il cuoco presentò al banchetto il dolce di Toni.

Tutti gli ospiti e al Duca furono tanto entusiasti che vollero conoscere il nome di quel dolce tanto prelibato.

A quel punto il cuoco rivelò che quel dolce “L’è ‘l pan del Toni“, da allora è il ‘pane di Toni‘, ossia il Panettone.


Il Panettone e La Tradizione

Il Panettone, assieme al Pandoro, è un dolce tradizionale tipico delle feste natalizie.

Come vuole la tradizioneMilano si conserva una porzione per poi mangiarla raffermo a digiuno insieme alla famiglia per la Festa di San Biagio, il 3 febbraio.

L’uso tradizionale popolare è un gesto propiziatorio contro i mali della gola e raffreddori.

A Milano infatti si dice “San Bias el benediss la gola e el nas“; Il 3 febbraio i negozianti, per smaltire il Panettone invenduto, i coddetti ‘Panettoni di san Biagio‘, lo vendono a poco prezzo.



Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi