San Valentino 14 febbraio

Festa di San Valentino

La festa di San Valentino è nota come messaggio di amore.

In questo giorno infatti gli innamorati si scambiano bigliettini a forma di cuore, o con altre forme tipiche che nella tradizione popolare rappresentano appunto l’amore.

Intesa come festa degli innamorati, San Valentino è celebrata in diverse parti del mondo il 14 febbraio, e prende il nome dal santo e martire cristiano Valentino da Terni.

Origini della Festa degli innamorati

La festa degli innamorati nacque da un rito pagano per la fertilità, la lupercalia, sostituita dalla Chiesa nel 946 da papa Gelasio I come festività religiosa.

I romani pagani rendevono omaggio al dio Lupercus con un singolare rito annuale, i nomi di uomini e donne venivano messi in un’urna e appositamente mescolati.

Un bambino sceglieva a caso alcune coppie che per un intero anno avrebbero vissuto in intimità affinché il rito della fertilità fosse concluso.

La Chiesa, per mettere fine a questa pratica, cercò un santo degli innamorati identificandolo nel vescovo Valentino, martirizzato circa 200 anni prima.

La leggenda di San Valentino

La leggenda vuole che Valentino di Interamna, l’attuale Terni, amico dei giovani amanti, fu invitato dall’imperatore pazzo Claudio II per fare interrompere questa strana iniziativa tentando di convincerlo a convertirsi al paganesino.

San Valentino da Terni

San Valentino, che non volle rinunciare alla sua fede, imprudentemente tentò di convertire Claudio II al Cristianesimo.

Venne arrestato e messo in prigione, e in attesa dell’esecuzione la leggenda narra che si innamorò della figlia cieca del guardiano e che riuscì a ridare la vista alla fanciulla.

Il 24 febbraio del 270, Valentino fu lapidato e poi decapitato.

San Valentino oggi

14 febbraio San Valentino

Tradizionalmente il tratto più caratteristico della festa di San Valentino, è lo scambio di valentine, cioè bigliettini d’amore sagomati nelle forme della rappresentazione dell’amore romantico.

Questa tradizione, a partire dal XIX secolo, ha alimentato la produzione industriale su vasta scala di biglietti d’auguri dedicati a questa ricorrenza.

La commercializzazione dei biglietti amorosi dette forma, nella seconda metà del XX secolo, alla tradizone dello scambio dei regali come cioccolatini, mazzi di fiori o gioielli.

Oggi la ricorrenza di San Valentino, intesa come festa degli innamorati, deve la sua popolarità al marketing, solo in Italia viene calcolato che tra cenette, fiori, sms e regali, vengono spesi molti euro, diventando così un business dell’amore.


  • Voci correlate…

Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi