Il gatto domestico

Gatto domestico

Il gatto domestico è il felino più vasto al mondo e si contano più di una cinquantina di razze diverse conosciute.

La sua intelligenza è tale da percepire e memorizzare informazioni, la sua conoscenza la trasforma in abilità e attitudine.

Essendo un animale prevalentemente territoriale, è un predatore di piccoli animali e comunica attraverso vocalizzi diversi, come le fusa, la posizione del corpo e la produzione dei feromoni.

La compagnia del gatto, secondo diversi studi, pare sia benefica nell’aiutare le persone con problemi psichici, persone sole o stressate, esso viene infatti utilizzato nella °Pet-Terapy con i gatti come ‘gattoterapia‘.

Il termine gatto in italiano deriva dal latino medievale ‘gattus‘, agile, flessibile e massiccio la sua abilità sta nel camminare silenziosamente e di spiccare grandi salti.

Anatomia del Gatto

Il suo corpo è formato da 250 ossa, presenta il collo corto e la colonna vertebrale è molto mobile, mentre la clavicola è piccola e collegata allo sterno da un legamento, che gli conferisce una grande mobilità.

Le sue unghie sono retrattili, cioè si trovano nascoste nella condizione di riposo e le estrae solo all’occorrenza, permettendogli agilmente di afferrare e arrampicarsi.

La coda gli permette il mantenimento dell’equilibrio, mentre le zampe anteriori terminano con cinque dita e le zampe posteriori, più lunghe delle anteriori, terminano invece con quattro.

Sotto le zampe sono presenti dei cuscinetti che gli conferiscono un’andatura silenziosa, e, come nel muso e sopra gli occhi, sono presenti anche le ‘vibrisse‘ che hanno la funzione di controllare l’equilibrio.

Un gatto pesa mediamente tra i 2,5 e i 4,5 kg, misura da 46 a 51 cm, senza la coda, può saltare a un’altezza cinque volte superiore alla sua statura, e può raggiungere nella corsa i 60 km/h e percorrere 120 m in sette secondi.

Contrariamente a quanto si pensa, il gatto nuota molto bene, tuttavia esita a gettarsi in acqua e lo fa solo se costretto.

Il gatto domestico e la convivenza con l’uomo

Il gatto è indipendente e diffidente, non esiste una gerarchia e il loro comportamento con l’uomo è diverso da quello dei cani, infatti è legato più al territorio che non al branco.

Anche i gatti provano affetto verso le persone, anche se l’essere umano è per lui colui che gli procura cibo e protezione, può manifestare sentimenti attraverso le fusa e allungando le zampe.

Gatto domestico

Questo comportamento è dovuto al fatto che considera il padrone come una madre, in tali momenti chiude gli occhi e gratta il torace, o un’altra parte del corpo, con le zampe anteriori.

I suoi miagolii possono essere diversi quando si rivolge al suo compagno umano: lungo e lamentoso quando segnala un corteggiamento, breve per il saluto e prolungato quando fa una richiesta.

Ciò che serve ad un gatto domestico abituato a stare sempre in casa, sono una ciotola con il mangiare, una per bere e la lettiera per i bisogni, da pulire ogni giorno e aerare il più possibile.

Il gatto si lava da solo, non necessita di bagni poiché leccandosi effettua un’igiene personale, e proprio per questo motivo si formano nello stomaco accumuli di peli, e per favorire la loro eliminazione basta procurarsi l’erba gatta che si vende in comodissime ciotole.

Generalmente il gatto dorme in ognidove, infatti non ha bisogno di una cuccia, sarà lui a trovarsi un posticino di suo gradimento, lo possiamo trovare nei punti più caldi, più asciutti o più ventilati della casa, a seconda della stagione.

Avere un gatto in casa comporta anche situazioni in cui oggetti o mobilia possano essere stati rovinati dalle sue unghie, infatti esso tende a consumarle affilandole, per questo è opportuno procurargli un tiragraffi alto, dotato di diverse piazzole in quanto tedenzialmente ama arrampiacrsi e riposare in alto, al sicuro dai pericoli.

Insomma, avere un gatto che gira per la casa è un benessere per la famiglia, soprattutto se ci sono bambini, ma è anche importante osservare alcune regole, la prima di tutte è sempre un controllo dal veterinario periodicamente per evitare complicazioni, oltre alle dovute vaccinazioni per la sua salute e quella dei familiari.


Ti potrebbe anche interessare…


Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi