Il Linguaggio del bambino

Insegnare a parlare al nostro bambino è un traguardo da raggiungere insieme al piccolo, molti bimbi imparano prima di altri e alcuni invece presentano difficoltà di apprendimento con le parole e quindi con il linguaggio.

Come aiutare allora il nostro bambino a parlare? Quante parole deve saper dire?



Il Linguaggio infantile

Queste e molte altre domande sono state prese in considerazione da alcuni scienziati americani in ambito di una ricerca sullo sviluppo del linguaggio infantile.

Secondo gli studiosi un bambino di due anni dovrebbe conoscere in media circa 350 parole, tuttavia, secondo il risultato della ricerca, è emerso che un bambino medio conosce circa 150 parole, tra quelle più complesse alle più semplici 25 sono le parole essenziali di vita:

Mamma – Papà – Acqua – Pappa – Latte – Pipì – ecc…

Secondo quindi i risultati della ricerca, la mancanza di vocabolario potrebbe essere un campanello d’allarme che si cela dietro a un qualche problema.

Se un bambino presenta lentezza nell’imparare queste parole, può essere ad esempio un disturbo di tipo uditivo o cognitivo.


I genitori un ruolo importante

Il genitore ha un ruolo importante nell’apprendimento del linguaggio del bambino, su questo aspetto i genitori infatti devono prestare attenzione e dialogare il più possibile interagendo con lui ogni giorno e in qualsiasi momento della giornata.

Tuttavia, la lentezza con cui il bimbo impara a parlare, non è detto che debba essere sintomo di qualche patologia.

Se ad esempio il primo figlio presenta difficoltà dovute alla nascita di un fratellino, poiché ogni membro della famiglia volge le attenzioni verso il nuovo arrivato, bisogna cercare di stimolare il linguaggio usando un vocabolario ricco ripetendo più volte tutte quelle parole più complesse.

Il genitore deve quindi interagire con il proprio bambino, utilizzare più parole possibili e ripetere spesso quelle più complesse, usare parole e stimolarlo per indicare oggetti e persone cercando di pronunciarle correttamente senza usare termini vezzeggiativi come si è solito fare con i piccoli, infine molto importante è associare le parole con i suoni e gli oggetti.


  • Voci Correlate

Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi