Il Sole la stella della vita

Sole

Il Sole, se si potesse osservare da vicino, apparirebbe come una gigantesca stella sferica di colore rosso.

Classificato dagli astronomi come ‘nana gialla‘, il Sole orbita attorno al centro della Via Lattea e le sue dimensioni sono medio-piccole.

Il Sole una Stella

Il Sole è la stella madre del Sistema solare attorno alla quale orbitano gli otto principali Pianeti, tra cui la Terra, i pianeti nani, i loro satelliti, altri corpi minori e la polvere che forma il materiale che riempie lo stesso sistema solare e attraverso cui si muovono tutti i corpi celesti.

Costituita principalmente da idrogeno ed elio, con aggiunta di altri elementi, le sue dimensioni sono medio-piccole.

Tra le stelle più vicine alla Terra il Sole è la quinta più luminosa, collocatta all’interno della Via Lattea essa completa il proprio moto di rivoluzione in 225-250 milioni di anni.

Osservabile a occhio nudo si può distinguere il disco solare al tramonto o in presenza di nebbia e nubi, quando la sua luminosità è sensibilmente minore, al contrario invece, quando appare nella sua luminosità maggiore, si corre il rischio di danni alla vista a causa della forte radiazione.

Dato che il Sistema solare impiega 225-250 milioni di anni per completare una rivoluzione, in quel che gli astronomi chiamano anno galattico, il Sole avrebbe completato 20-25 orbite, dal momento della sua formazione, e 1/1250 di orbite dalla comparsa dell’essere umano.

Il Ciclo vitale del Sole

Il Sole si sarebbe formato dall’esplosione di una o più supernove, per questo è una stella di terza generazione.

Dopo la sua formazione assunse quasi subito un’orbita circolare attorno al centro della Via Lattea, e i residui della formazione stellare formarono poi una struttura a forma di disco di gas e polveri, detto disco protoplanetario, attorno ad essa.

Sole

Essendo il Sole in una fase di equilibrio, durante la quale genera energia attraverso la fusione dell’idrogeno in elio, non si espande né si contrae e ha la stessa temperatura.

Questo periodo di stabilità, secondo gli studi astronomici che lo definisce a circa metà della propria sequenza principale, avrà termine tra circa 5 miliardi di anni, quando entrerà in una fase di forte instabilità chiamata ‘gigante rossa‘.

Ciò vuol dire che nel momento in cui l’idrogeno del nucleo sarà convertito in elio, gli strati subiranno un collasso che determinerà un incremento termico raggiungendo temperature tali da provocare l’espansione della stella, causando un raffreddamento del gas e assumendo così una colorazione fotosferica gialla intensa.

Entro una decina di milioni di anni si verificherà un nuovo collasso che determinerà un aumento della temperatura innescando una nuova fusione, di conseguenza la stella subirà una riduzione delle proprie dimensioni.

A causa delle elevatissime temperature del nucleo, e per via dei prodotti di fusione non impiegabili in nuovi cicli, vi sarà un nuovo collasso determinando una nuova espansione del Sole il quale raggiungerà dimensioni di circa 100 volte quelle attuali.

Per quanto riguarda il nostro pianeta, alcune teorie scientifiche vedono la Terra inglobata dalla stella morente, mentre altre ipotizzano che invece si salverà trovando spazio in un’orbita allargata dal Sole.

In questo senso le ipotesi vedono la Terrà inabitabile, gli oceani saranno evaporati e a causa del forte calore e gran parte dell’atmosfera verrà dispersa nello spazio dall’intensa energia termica.

Quando ogni processo termonucleare sarà esaurito, il Sole rilascerà i suoi strati più esterni che verranno spazzati via creando una nebulosa costituita da un involucro incandescente di gas ionizzato in espansione, fase per la quale alcuni tipi di stelle muoiono.


  • Voci correlate…

Se ti è piaciuto l’articolo Condividilo sul tuo Social preferito o fallo sapere a qualche amico. Se vuoi ricevere le ultime novità iscriviti alla Newsletter

Rispondi