I sogni sono intensi e surreali quando si dorme di più

I sogni intensi e surreali sembra che avvengono quando si fanno ore di sonno prolungate.

incubo infantile sogno

Più ore si dormono e più si sogna, e più i sogni si fanno complessi e intensi.

Uno studio pubblicato sulla rivista ‘American Psychological Association‘, mette in evidenza che più a lungo si dorme e più i sogni si fanno complessi e intensi.


Perché i sogni sono intensi e surreali


Gli studiosi arrivano alla conclusione che più la notte è avanzata, e più essi diventano bizzarri e surreali.

Caroline Horton, della Leeds Metropolitan University, in Gran Bretagna, ha condotto la ricerca rivelando che il contenuto onirico dei sogni dipende dall’orario della notte.

Inoltre, secondo lo studio, se più a lungo si dorme più i sogni diventano emotivamente carichi. In pratica, dormendo poche ore, i sogni sarebbero più lineari, poco complessi e durano meno.

Al contrario, a notte inoltrata invece, il sogno diventa più carico, assumendo un aspetto surreale e più intenso a livello emotivo.

Lo studio avrebbe preso in esame i sogni di 16 volontari che, ripetuto l’esperimento anche il giorno seguente, durante la notte sono stati svegliati per 4 volte per descrivere il contenuto del loro sogno.

Da questo esperimento ne è emerso che la trama, nel corso della notte, diventava sempre più bizzarra e strana.

> Perché facciamo gli incubi?


Ti è piaciuto questo articolo? Condividi con un amico/a o sul tuo social preferito. Se invece vuoi restare sempre aggiornato/a sui nuovi argomenti iscriviti alla nostra Newsletter




I commenti sono chiusi.


  • Informazioni su questo sito

    AbcSapere.it non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Si informa inoltre che tutti gli argomenti trattati sono solo a scopo informativo, e in nessun caso devono sostituire il parere di un professionista o parere medico. Si raccomanda quindi, sempre e comunque, una consultazione con uno specialista del settore…


    Licenza Creative Commons
    Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia.