• Sei in: Sapere / Coronavirus / Vaccino contro COVID-19

Vaccino contro COVID-19

vaccino covid-19 coronavirus

Il vaccino contro il COVID-19 è un vaccino destinato a fornire l’immunità acquisita contro la malattia causata dalla SARS-CoV-2.

A dicembre 2020, più di 10 miliardi di dosi di vaccino sono state destinate nei diversi paesi del mondo colpiti dalla pandemia.

Vaccino contro COVID-19


Cronologia


Il vaccino COVID-19 si riferisce allo studio e allo sviluppo del vaccino preventivo della malattia causata dalla SARS-CoV-2.

Ad aprile 2020, 115 candidati al vaccino erano in fase di sviluppo, con due organizzazioni che hanno avviato studi di sicurezza ed efficacia su soggetti umani.

L’OMS, alla fine di febbraio 2020, ha dichiarato che un vaccino contro la malattia di COVID-19 non può essere disponibile in meno di 18 mesi.

A luglio 2020, 218 candidati al vaccino erano in fase di sviluppo, anche se nessuno aveva completato studi clinici per dimostrare la loro efficacia.

A fine luglio, sono stati annunciati 24 candidati al vaccino, due dei quali nella fase III e sette nella fase I e II. Viene inoltre esplorato il percorso verso un vaccino universale contro tutti i COV emergenti.

Vladimir Putin, il primo rappresentante russo, l’11 agosto 2020 ha rilasciato la registrazione del primo vaccino COV al mondo, sviluppato dall’Istituto Gamaleya, chiamato gam-COVID-Vac.

Entro settembre 2020, nessun candidato al vaccino aveva ancora completato uno studio di fase III.

Il 9 settembre 2020, l’azienda farmaceutica statunitense Pfizer, che sta collaborando con la società biotecnologica tedesca BioNTech, ha annunciato che il suo vaccino candidato covid-19 è efficace al 90%.

Il 17 novembre 2020, l’azienda biotecnologica statunitense Moderna ha annunciato a sua volta che il suo vaccino è efficace al 94%.

Il 2 dicembre 2020, il vaccino Pfizer-BioNTech è stato approvato dalla Medicines and Healtcare Product Regulatory Agency per il Regno Unito.

Pfizer ha indicato che entro la fine del 2020 potrebbero essere disponibili 50 milioni di dosi, con circa 1,3 miliardi di dosi entro la metà del 2021.

A dicembre 2020, 59 candidati al vaccino erano nella ricerca clinica: 42 nella fase I-II e 17 negli studi di fase II-III.

Il 2 dicembre, il regolatore britannico dei farmaci ha concesso l’approvazione normativa temporanea per il vaccino Pfizer-BioNTech.

Precedenti


Sono stati prodotti vaccini contro malattie causate dal coronavirus per uso animale, tra cui coronavirus aviari, canini e felini.

Precedenti progetti per lo sviluppo di vaccini contro virus di coronavirus, che colpiscono l’uomo, SARS e MERS, sono stati testati in modelli animali non umani.

Secondo i documenti di ricerca pubblicati nel 2005 e nel 2006, l’identificazione e lo sviluppo di nuovi vaccini e medicinali per il trattamento della SARS, era una priorità per i governi e le agenzie di sanità pubblica di tutto il mondo.

Quando il MERS divenne prevalente, si credeva che la ricerca SARS esistente fornisse un modello utile per lo sviluppo di vaccini e terapie per l’infezione.

A partire da marzo 2020, c’era un vaccino contro il MERS, basato sul DNA che comprovava gli studi clinici di fase I nell’uomo.

Inoltre vi erano altri tre vaccini in corso, tutti vettoriali virali, due adenovirali e un vettore MVA.

2020


La malattia di COVID-19 è stata identificata nel dicembre 2019 a Wuhan, la capitale della provincia di Hubei, nella Repubblica Popolare Cinese.

Nel 2020, si è sviluppata un’epidemia importante in tutto il mondo, che ha portato a notevoli investimenti e ricerche per lo sviluppo di un vaccino.

Molte organizzazioni multinazionali, stanno utilizzando genomi pubblicati per sviluppare possibili vaccini contro SARS-CoV-2.

Circa 79 aziende e istituzioni accademiche sono coinvolte nello sviluppo di vaccini.

Tre di essi sono sostenuti dal CEPI, compresi i progetti delle moderne società biotecnologiche, farmaceutiche e l’Università del Queensland.

Cinquecento studi clinici in tutto il mondo, in tutte le fasi dello sviluppo dei vaccini e dei candidati terapeutici per COVID-19, sono registrati nel Registro degli studi clinici dell’OMS a partire da marzo 2020.

Gli imperativi dell’iniziativa di sviluppo del vaccino CEPI, in una partnership globale tra organizzazioni mondiali in aprile 2020, sono: la velocità, la capacità di produzione, l’implementazione su larga scala e l’accesso globale.

Piattaforme


Gli scienziati del CEPI, ad aprile 2020, hanno riferito che 10 diverse piattaforme tecnologiche erano in fase di ricerca e sviluppo già agli inizi del 2020 per creare un vaccino COVID-19 efficace.

Secondo CEPI, le piattaforme basate su DNA passeggero o RNA offrono una notevole promessa di alterare le funzioni antigene COVID-19 per forti risposte immunitarie.

Queste risposte possono essere rapidamente valutate, perfezionate per la stabilità a lungo termine, e preparate per la capacità produttiva su larga scala.

Altre piattaforme in fase di sviluppo, nel 2020, si concentrano su peptidi, proteine ricombinanti, virus vivi attenuati e virus inattivi.

I principali obiettivi della piattaforma avanzata negli studi di sicurezza di fase I includono:

  • acido nucleico (DNA e RNA), sviluppatore di fase I e candidato al vaccino: Moderna, mRNA-1273
  • vettore virale, sviluppatore di fase I e candidato al vaccino: CanSino Biologics, vettore adenovirus di tipo 5
  • particella simile a un virus coinvolta nella replicazione del DNA, sviluppatore di fase I e candidata al vaccino: Shenzhen Genoimmune Medical Institute, LV-SMENP

Le tecnologie vaccinale in fase di sviluppo per covid-19, accelerano allo stesso tempo lo sviluppo per prevenire alla fine l’infezione da un nuovo vaccino.

Lo sviluppo di piattaforme vaccinale è anche progettato per affrontare i meccanismi di suscettibilità all’infezione da COVID-19 in specifici sottogruppi di popolazione, come: anziani, bambini, donne incinte o persone con sistema immunitario indebolito esistente.

Il CEPI classifica le fasi dello sviluppo del vaccino come esplorative, preclinico o inizio di studi di sicurezza di fase I in persone sane.

Candidati


Nell’aprile 2020, come specificato dal CEPI, i candidati al vaccino nelle prime fasi di sviluppo, in totale sono 115.

Settantotto (o 79) di essi sono confermati come progetti attivi, e altri 37 annunciati, ma con poche informazioni pubbliche disponibili.

Dei 79 progetti attivi confermati, 74 sono in fase di sviluppo esplorativo o preclinico.

Dopo la pubblicazione del rapporto CEPI, sono stati avviati studi randomizzati in fase I-II.

A metà aprile, solo altri 5 studi con candidati al vaccino sono in fase I test nell’uomo.

Gli studi di fase I valutano principalmente la sicurezza e il dosaggio preliminare in poche dozzine di soggetti sani.

Gli studi di fase II, dopo il successo di fase I, valutano l’immunogenicità, i livelli di dose e gli effetti avversi del vaccino candidato, di solito in centinaia di persone.

Uno studio di fase I-II, conduce test preliminari di sicurezza e immunogenicità, di solito randomizzati, controllati con placebo e multi-sito, determinando al contempo dosi più accurate ed efficaci.

Gli studi di fase III coinvolgono più partecipanti, incluso un gruppo di controllo, e valutano l’efficacia del vaccino per prevenire la malattia, monitorando al contempo gli effetti avversi alla dose ottimale.

Sviluppo


La ricerca in tutto il mondo per vaccini contro COVID-19 è molto intensificata.

A fine ottobre 2020, i prodotti candidati al vaccino nella ricerca clinica sono quasi 200.

A questi si aggiungono altri 200 prodotti nella fase esplorativa precedente, alla ricerca preclinica formale.

Lo sviluppo di un vaccino è di solito un processo lungo, ma nel caso di pandemia i tempi sono abbreviati al minimo, inoltre lo sviluppo passa attraverso fasi prestabilite.

  • Fase preclinica, 154 vaccini
  • Fasi cliniche, 44, di cui:
    • Fase 1, 4 vaccini
    • Vaccini di fase 1/2 e 2° 5
    • Fase 3, 4 vaccini
  • Approvati 2 vaccini

Dati accumulati


  • Candidato/vaccino: Ad5-nCoV, CanSino Biologics.
  • Tecnologia: vettore vettore di adenovirus ricombinante di tipo 5
  • Fase di test: Fase 3
  • Posizione: Tianjin, Cina
  • Durata prove: da marzo 2020 a dicembre 2020
  • Dose: 2
  • Efficacia: 97%
  • Archiviazione: Temperatura normale
  • Paesi di autorizzazione: Cina, Messico

  • Candidato/vaccino: AZD1222, Università di Oxford e AstraZeneca
  • Tecnologia: vettore di adenovirus
  • Fase di test: Fase 3
  • Posizione: Inghilterra, Regno Unito
  • Durata prove: da aprile 2020 a marzo 2021
  • Dose: 2
  • Efficacia: 95%
  • Archiviazione: temperatura normale

  • Candidato/vaccino: mRNA-1273, Moderno, Istituto nazionale di Allergia e malattie Infettive
  • Tecnologia: dispersione di nanoparticelle lipidiche contenenti RNA messaggero
  • Fase di Test: Fase 3
  • Posizione: Stati Uniti
  • Durata prove: da marzo 2020 a dicembre 2020
  • Dose: 2
  • Efficacia: 95%
  • Archiviazione: -20oC
  • Paesi di autorizzazioni: Stati Uniti, Canada

  • Candidato/vaccino: Covid-19aAPC, Shenzhen Genoimmune Medical Institute
  • Tecnologia: vettore lentivirale, antigene artificiale specifico dell’agente patogeno con cellule dendritiche
  • Fase di test: Fase 1
  • Posizione: Shenzhen, Cina
  • Durata prove: da marzo 2020 a 2025
  • Dose: 2

  • Candidato/vaccino: Tozinameran, BioNTech e Pfizer
  • Tecnologia: vaccino contro l’mRNA
  • Fase di test: Fase 4
  • Posizione: Largen, Germania
  • Durata prove: da aprile 2020 a dicembre 2020
  • Dose: 2
  • Efficacia: 95%
  • Archiviazione: -70oC
  • Paesi di autorizzazioni: Regno Unito, Israele, Canada, Messico, Stati Uniti, Cile, Panama, Ecuador, Costa Rica, Argentina, Kuwait, Singapore, Arabia Saudita, Oman, Bahrein, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Norvegia, Svizzera, Serbia, Unione Europea

  • Candidato/vaccino: LV-SMENP-DC, Shenzhen Genoimmune Medical Institute
  • Tecnologia: vaccino lentivirale minigene, cellule dendritiche modificate con vettore lentivirale
  • Fase di test: Fase 1 (100)
  • Posizione: Shenzhen, Cina
  • Durata prove: da marzo 2020 a febbraio 2021
  • Dose: 2

  • Candidato/vaccino: INO-4800, Inovio Pharmaceuticals, Coalizione per le innovazioni nella preparazione epidemica
  • Tecnologia: Dna plasmide fornito per elettroporazione
  • Fase di test: Fase 1 (40)
  • Posizione: Stati Uniti
  • Dose: 2
  • Durata prove: da aprile 2020 a febbraio 2021

  • Candidato/vaccino: NVX-CoV2373, Novavax, Coalizione per le innovazioni nella preparazione alle epidemie
  • Tecnologia: Subunità proteica
  • Fase di test: Fase 1/2
  • Posizione: Stati Uniti
  • Dose: 2

  • Candidato/vaccino: CoronaVac,
  • Tecnologia: Virus inattivato e più adiuvante
  • Fase di test: Fase 3
  • Posizione: pechino, Cina
  • Durata prove: da aprile 2020 a ottobre 2020
  • Dose: 2
  • Efficacia: 86%
  • Archiviazione: temperatura normale
  • Paesi di autorizzazioni: Cina, Brasile, Turchia, Cile, Indonesia

  • Candidato/vaccino: Gam-COVID-Vac, Centro Nazionale gamaleya per la ricerca epidemiologica e microbiologica
  • Tecnologia: Vettore virale non replicante
  • Fase di test: Fase 3
  • Posizione: Mosca, Russia
  • Durata prove: da agosto 2020 a maggio 2021
  • Dose: 2
  • Efficacia: 92%
  • Archiviazione: temperatura normale
  • Paesi di autorizzazione: Russia, Bielorussia, Argentina

  • Candidato/vaccino: Ad26.COV2.S, Janssen Pharmaceutica Johnson & Johnson, BIDMC
  • Tecnologia: Vettore virale non replicante
  • Fase di test: Fase 3
  • Durata prove: luglio 2020-2026
  • Dose: 1

Limitazioni


Lo sviluppo di vaccini potrebbe non essere sicuro o efficace, il CEPI indica un potenziale tasso di successo di solo il 10% per i candidati ai vaccini in via di sviluppo per il 2020.

L’urgenza di produrre un Vaccino per la Pandemia di COVID-19, possono aumentare i rischi e il tasso di fallimento della somministrazione di un vaccino sicuro ed efficace.

Per valutare l’efficacia dei vaccini, si utilizzano modelli animali specifici del COVID-19, come topi OGM ACE2, altri animali da laboratorio e primati non umani.

La valutazione indica la necessità di misure di contenimento di livello 3 per la biosicurezza, per gestire i virus attivi e coordinamento internazionale per garantire procedure di sicurezza standard.

Un rapporto CEPI di aprile 2020 ha affermato che:

Sarà necessario un forte coordinamento e cooperazione internazionale tra sviluppatori di vaccini, regolatori, responsabili politici, finanziatori, agenzie di sanità pubblica e governi per garantire che i promettenti candidati al vaccino in fase avanzata possano essere fabbricati in quantità sufficienti e consegnati allo stesso modo a tutte le aree colpite , in particolare le regioni a basso reddito“.

Disinformazione


I post sui social media hanno promosso una teoria del complotto secondo cui il virus dietro covid-19 era noto, e che un vaccino era già disponibile.

I brevetti citati da varie pubblicazioni sui social media, si riferiscono a brevetti esistenti per sequenze genetiche e vaccini per altri ceppi di coronavirus, come la SARS-CoV che causa una grave sindrome respiratoria acuta.

La malattia da coronavirus 2019, COVID-19, è causata dalla SARS-CoV-2.

Voci correlate


Collegamenti di riferimento



Ti è piaciuto questo articolo? Condividi con un amico/a o sul tuo social preferito. Se invece vuoi restare sempre aggiornato/a sui nuovi argomenti iscriviti alla nostra Newsletter


Ti potrebbe anche interessare


I commenti sono chiusi.