Lo zucchero nemico della pressione alta

zucchero dolcificanti

Secondo quanto creduto fino ad ora, il sale era il nemico numero 1 della pressione alta.

Secondo una ricerca Usa, invece, pare che lo zucchero sia il vero nemico, sembra infatti avere una correlazione con chi soffre di pressione alta.


La Ricerca


Se assunto in quantità elevata, lo zucchero sembra stimolare l’ipotalamo.

L’ippotalamo è un’area del cervello che a sua volta provocherebbe un aumento del battito cardiaco e quindi della pressione sanguigna.

Lo studio, pubblicato sulla rivista ‘American Journal of Cardiology‘, e coordinata dal Saint Luke’s Mid America Heart Institute in Kansas City, ha messo in evidenza la questione.

Sotto accusa sono soprattutto le bibite gassate zuccherate, di cui si fa un largo consumo e che sarebbero responsabili di ipertensione, con il rischio pericoloso di un possibile infarto.

In questo senso la ricerca ha messo in evidenza che i cibi, con basso contenuto di sodio, sarebbero per il nostro organismo controproducenti.

Poiché il nostro organismo ricerca la giusta quantità di questo elemento, saremmo portati a mangiare di più.

Secondo il dottor James DiNicolantonio, che ha condotto lo studio, lo zucchero per questo deve essere considerato un predittore di rischio cardiovascolare.

Per questo motivo, a chi soffre di pressione alta, bisognerebbe consigliare di tagliare lo zucchero e non il sale.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividi con un amico/a o sul tuo social preferito. Se invece vuoi restare sempre aggiornato/a sui nuovi argomenti iscriviti alla nostra Newsletter




I commenti sono chiusi.


  • Informazioni su questo sito

    AbcSapere.it non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Si informa inoltre che tutti gli argomenti trattati sono solo a scopo informativo, e in nessun caso devono sostituire il parere di un professionista o parere medico. Si raccomanda quindi, sempre e comunque, una consultazione con uno specialista del settore…


    Licenza Creative Commons
    Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia.